biografia opere eventi contatti

ASTRATTE


Triplice movimento
2003, cm. 50x35
acquarello su carta


Topografia italiana
2008, cm. 40x30
acquarello su carta


Caduta libera
2003, cm.50x35
acquarello su carta


Al di qua del verde
2000, cm.41x41
acquarello su carta


Giochi d'ombra
2004, cm. 70 x 70
acquarello su carta


Stendardi sui monti orientali
2007, cm. 56x56
acquarello su carta


Squarcio nella foresta
2002, cm. 70 x 50
acquarello su carta


Danza
2003, cm. 76 x 56
acquarello su carta


Doppia gravità
2006, cm. 56 x 76
acquarello su carta


Tessitura italiana
2004, cm. 30 b. x 40 h.
acquarello su carta


Ascensione bianca con rallentamento rosso
2006, cm. 60 x 80
olio su tela


Ascensione nera con rallentamento verde
2006, cm.60 x 80
olio su tela


Sei in uno
2006, cm. 80 x 80
olio su tela


Movimento e contromovimento
2006, cm. 70 b. x 70 h.
olio su tela


Ossessione
2006, cm. 100 x 80
olio su tela


Blù perfect
2006, cm.50 x 70
olio su tela


Isola misteriosa
2004, cm. 40 x 30
acquarello su carta


Luna scritta
2000, cm. 35 b. x 50 h.
acquarello su carta


Anni sessanta
2004, cm. 30 x 40
acquarello su carta


Perfect
2005, cm.40 x 50
cm.40 x 50olio su tela


Quadrate trasparenze
2001, cm. 41 x 41
acquarello su carta


Pietra paesina
2000, cm. 41 x 41
acquarello su carta


Interferenze luminose
2005, cm. 41 x 41
acquarello su carta


Rosso dinamico
2005, cm. 60 x 80
olio su tela


Opposizione rosso-nera 2°
2002, cm.50 x 70
acquarello su carta


Strade nel bosco marino
2001, cm 41 x 56
acquarello su carta


Pieno e vuoto
2002, cm. 50 x 35
acquarello su carta


Mediazione rosa
2004, cm.60 x 80
olio su tela


Coppia tranquilla
2003, cm. 76 x 56
acquarello su carta


La mia casa dentro e fuori
2004, cm. 40 x 30
acquarello su carta


Colonnato
2003, cm. 50 x 35
acquarello su carta


Frammenti di scrittura
2005, cm. 100 x 70
olio su tela

Giancarlo Da Lio dalla presentazione verbale (poi scritta ) della mostra “passeggiata effimera”giugno 2005 a Montegrotto Terme… ”E' figlia del nostro Veneto per formazione culturale e scelta del luogo operativo…E' un'opera che gioca sulla sensazione/percezione ottica e soprattutto su quella capacità di giocare su un valore semantico che il segno ha come la parola o a completamento della scrittura stessa. Il segno ampliato ci fa scoprire ciò che l'artista ha già scoperto…Una scoperta che sa di antico e di contemporaneo.La storia dell'incisione come illustrazione di un medioevo europeo e di un medioevo orientale che si incontrano nella linea segno che ci avvia tutti noi a una forma dialettica che ci deve far maturare e piu avanti….”un percorso che è soltanto agli inizi poiché l'artista è piena di energie, positivamente curiosa nello scoprire.Una curiosità che l'accompagna dagli anni formativi.”